top of page
  • consulenza03

Modello Organizzativo 231: le nuove regole in vigore dal 15 luglio 2023

DESCRIZIONE

Con il Decreto Legislativo del 10 marzo 2023, n. 24, in attuazione della Direttiva UE 2019/1937, il Legislatore è intervenuto in tema di denuncia delle violazioni di disposizioni normative nazionali o europee che ledono l’interesse pubblico o l’integrità dell’amministrazione pubblica o dell’ente privato, e di tutela dei segnalatori che ne siano venuti a conoscenza in un contesto lavorativo pubblico o privato.

I DATORI DI LAVORI OBBLIGATI

per i soggetti del settore privato, la normativa si applica:


· ai soggetti che hanno impiegato, nell’ultimo anno, la media di almeno 50 lavoratori subordinati con contratti di lavoro a tempo indeterminato o determinato;


TEMPISTICA DI ADEGUMENTO

Le disposizioni hanno effetto a decorrere dal 17 dicembre 2023 per le aziende che hanno impiegato tra i 50 e i 249 dipendenti nell’ultimo anno.

CHE COSA BIOSGNA FARE

1- Predisposizione di un canale di segnalazione interna

2- Definzione di procedura operativa per la gestione delle segnalazioni

3- Redazione e pubblicazione di informativa / procedura

4- Attuazione degli adempimenti privacy connessi al trattamento delle segnalazioni

SANZIONI

Da 5.000 a 30.000 euro in caso di ritorsioni o ostacoli alle segnalazioni, o violazioni della riservatezza.

Da 10.000 a 50.000 euro nel caso non sia stato istituito il canale di segnalazione, non siano state adottate procedure di gestione o la gestione delle procedure non sia stata conforme, e in caso di mancato svolgimento dell’attività di verifica e analisi delle segnalazioni.


Damaservizi in quanto redattrice del Modello Organizzativo presso l’impresa è disponibile per effettuare gli adeguamenti richiesti dalla normativa.

Comments


bottom of page